Dieci giovani mani
di

| , ,
| 2016 | Investo Food | News
| Maggio 2016 | 2450 Visite | con Commenti disabilitati su Dieci giovani mani

Sono cinque i giovani chef che questa sera, lunedì 2 maggio saranno protagonisti del secondo appuntamento del “Menù a 10 mani” ideato da Menù à Porter, realtà torinese impegnata nella valorizzazione e nella promozione dell’eccellenza eno-gastronomica piemontese. I loro nomi non saranno sconosciuti agli amanti della ristorazione torinese di livello. Si tratta di Federico Allegri del Resort San Quintino, Cesare Grandi della Limonaia, Stefano Chiodi Latini di Villa Somis, Alessandro Mecca dello Spazio7 e Alfonso Russo del Ventuno.1 Se i loro nomi vi dicono poco, segnateveli. Sono loro i grandi chef del futuro, e ci riferiamo a un futuro neanche troppo lontano. Perché giovani lo sono, è vero, ma parliamo per lo più di un dato anagrafico. Le loro solide cucine hanno già convinto pubblico e critica, e i loro rispettivi ristoranti viaggiano con sicurezza guidati da cotanti capitani. In fondo, si può avere esperienza anche prima dei quarant’anni, saper lavorare, aver voglia di fare e – in più – avere l’entusiasmo e l’energia che a volte forse mancano ai maestri. Quindi, sappiatelo, in cucina come nella vita, spesso giovane è meglio. Come giovane è anche la realtà che ospiterà la cena a dieci mani, il Circolo della Stampa di Torino, a Palazzo Ceriana Mayneri. Ecco, forse definire “giovane” un palazzo ottocentesco non è esattamente corretto, ma c’è una spiegazione. Dopo una fase di riammodernamento del piano nobile, Palazzo Ceriana Mayneri vive di nuova vita, con un ambizioso progetto che punta a infoltire la programmazione (eventi pubblici e privati, incontri, appuntamenti, cene musicali) di quello che è sempre stato un punto di riferimento per la cultura torinese.

Ed è qui che si cimenteranno i giovani chef di questa attesissima cena a dieci mani. A dare un tocco glamour alla serata, la presenza di Alida Gotta (giovanissima anche lei), finalista della V edizione di Masterchef. Sarà lei a preparare l’amuse bouche di benvenuto: Tagliatelle di calamaro olio e limone, polvere di pomodoro e nero di seppia. A seguire, Federico Allegri con Scampi islandesi, Fragole e Mandorle; Stefano Chiodi Latini con Un cortile piemontese; Cesare Grandi con Il giardino dei Limoni; Alessandro Mecca con Churrasco d’agnello, fiori ed erbe di primavera e Alfonso Russo con La perla Napoletana. Last but not least, è importante ricordare che anche il secondo appuntamento con il Menu a 10 mani non è solo un’occasione per mangiare meravigliosamente in una location stupenda. Scopo della serata, infatti, è anche quello di sostenere l’azione dell’Associazione Marco Berry Onlus per uno dei progetti di integrazioni future per l’ospedale PEDIATRICO MAS CHILDREN.

Condividere questo articolo:

Commenti chiusi