UniCredit presenta la terza edizione di Women Onboarding – il progetto di empowerment dedicato alle donne
di

| ,
| 2023 | In evidenza
| Aprile 2023 | 741 Visite | con Commenti disabilitati su UniCredit presenta la terza edizione di Women Onboarding – il progetto di empowerment dedicato alle donne

Nel 2022, il tasso di occupazione femminile ha continuato a migliorare, seppur con un divario di crescita rispetto al corrispondente dato maschile, toccando quota 51,6% a fine anno e segnando così un nuovo record dopo quello già toccato a fine 2021.  

Sostenere le donne nel loro percorso e contribuire alla crescita dell’imprenditoria femminile è una delle priorità di UniCredit che, dopo il successo consolidato delle scorse edizioni di Women ONboarding, ha replicato l’iniziativa anche nel 2023, estendendo ulteriormente la platea di riferimento e arrivando ad un numero complessivo di imprenditrici PMI pari a 64, numero raddoppiato rispetto alla prima edizione. Questa edizione coinvolge non solo le donne membri degli Advisory Board UniCredit e delle PMI clienti, ma anche mentor appartenenti alla Territorial Community di UniCredit e al Network femminile GammaDonna, partner del progetto già negli scorsi anni, che con la presenza di Valentina Parenti ci accompagnerà anche in questo percorso. 

L’obiettivo è quello di facilitare il dialogo tra il mondo imprenditoriale e quello femminile e offrire alle donne delle nuove generazioni imprenditoriali gli strumenti necessari per la crescita professionale e personale. 

L’evento di lancio di questa terza edizione, che è coinciso anche con la prima sessione di formazione, ha visto come ospiti Annalisa Areni, Head of Clients strategies di UniCredit; Alessandra Rocchi, Head of Advisory Board & Territorial Plans UniCredit, che ha condotto i lavori della giornata e Alessandra Lanza, Senior Partner di Prometeia che ha presentato un osservatorio sull’imprenditoria femminile prodotto per UniCredit e Giuseppe Meli, coach, mentor trainer di Menslab che con il suo Team seguirà le nostre protagoniste nelle loro sessioni di mentoring.

Remo Taricani, Deputy Head of UniCredit Italy ha dichiarato: “Supportare le donne nei loro percorsi lavorativi è una naturale conseguenza del nostro impegno volto a costruire una società più equa e giusta per clienti, dipendenti e comunità in cui operiamo. Vogliamo essere dei catalizzatori dell’empowerment delle donne e dei giovani, annullando il gender gap e offrendo all’imprenditoria femminile gli strumenti necessari per competere. 

A fine percorso, si terrà un evento in presenza, al quale parteciperanno tutte le donne della Community Women OnBoarding.

Analisi Prometeia: la presenza femminile in aumento nelle PMI innovative

A livello complessivo, il 2022 vede una sostanziale stabilità dell’incidenza delle imprese a guida femminile sul tessuto imprenditoriale italiano: il 22,2%, pari a oltre 1,3 milioni di aziende, è costituito da imprese femminili (22,1% l’incidenza nel 2021). Un risultato significativo nonostante, a causa della coda lunga della pandemia, il calo di 6 mila unità (ma sono oltre 40 mila le imprese maschili andate perse lo scorso anno). Resta invariata la distribuzione dell’imprenditoria femminile per tipologia di impresa: più alta nelle ditte individuali (il 28%) e più bassa nelle società di capitali (il 18%), con le società di persone in posizione intermedia e allineate al dato complessivo (21%).

La presenza femminile è, invece, in forte aumento nelle nuove tipologie di imprese: PMI innovative e soprattutto Start Up vedono una costante crescita delle imprese a guida femminile, giunta al 9% e al 16% delle rispettive forme societarie. Dal punto di vista geografico, il Centro-Sud si conferma il territorio a maggior tasso di femminilizzazione, anche se con risultati di segno opposto a seconda della tipologia di attività: è calata l’occupazione indipendente (ma è cresciuta quella complessiva), mentre al Centro è aumentato il peso delle Start Up ma è calato quello delle PMI innovative. 

L’imprenditorialità femminile è focalizzata sul sociale 

Un ambito in cui si esprime la crescente imprenditorialità femminile e la forte sensibilità ai temi sociali è quello dell’economia sociale. Un mondo di oltre 360 mila imprese e istituzioni che già oggi evidenziano, rispetto alle imprese tradizionali, una maggior rilevanza dell’occupazione femminile (prossima al 60%) anche in posizioni manageriali (oltre una dirigente su quattro) e in cui si è registrato un vero e proprio boom di aperture di Start Up guidate da donne (nel 2022 sono state il 38% delle Start Up con vocazione sociale, una quota raddoppiata rispetto al 2019).

Condividere questo articolo:

Commenti chiusi