L’Investimento Consapevole
di

| ,
| 2016 | In evidenza | Investo Day
| Febbraio 2016 | 2363 Visite | con Commenti disabilitati su L’Investimento Consapevole

Borse in continua altalena, banche sull’orlo di una crisi di nervi, petrolio a picco o forse in leggera ripresa. Per i risparmiatori le certezze sono sempre di meno. Anzi, una certezza c’è: non si possono tenere i soldi dentro il materasso o sotto una mattonella perché i furti in appartamento, in Italia, sono ormai diventati un’abitudine che si evita accuratamente di contrastare.

Che fare, dunque? Innanzi tutto imparare a conoscere rischi ed opportunità. Perché non è vero che tutto va male. Ci sono settori in controtendenza, ci sono aziende in controtendenza anche nei settori in difficoltà. Essere informati e preparati diventa un requisito fondamentale per investire senza farsi derubare da una Banca Etruria qualsiasi. Meglio diversificare gli investimenti, certo, ma più si diversifica e più servono informazioni, capacità di analisi e di valutazione.

Per questo Investo sta lavorando all’organizzazione di eventi che consentano ai risparmiatori di incontrare investitori istituzionali. Occasioni di incontro, di scambi di idee, di richiesta di informazioni. Ma anche, per gli investitori, l’opportunità di un confronto diretto con i problemi ed i dubbi dei risparmiatori alla ricerca di una possibilità per non farsi derubare dai ladri o dissanguare dal Fisco.

Ma anche l’occasione per conoscere nuovi mercati al di là della banalità dell’informazione ufficiale. Perché il mondo cambia ad una velocità crescente. I Paesi in forte sviluppo ieri sono quelli in grave difficoltà oggi e, senza un’adeguata preparazione, non si sa se saranno Paesi in crescita domani. Sulla scena internazionale si affacciano nuovi protagonisti, le aziende passano di mano e il made in Italy si trasforma in made in India o in made in China. Modificando, di continuo, i parametri e richiedendo dunque nuove e più affinate analisi.

Si può scommettere sul rialzo del prezzo del greggio? Certo, ma su quali basi? Cosa farà l’Iran? Quali e quante commesse arriveranno davvero alle aziende italiane? Come cambierà l’Argentina? Ed il Messico diventerà finalmente il traino dell’America Latina o resterà in scia agli Usa? La Cina è in difficoltà o solo in fase di assestamento? Un investimento consapevole deve ormai tenere presenti tutti questi fattori. Per evitare di essere sbranati nel “parco buoi” o di venire massacrati grazie all’Isee.

Condividere questo articolo:

Commenti chiusi