Coalvi presenta il nuovo libro “Carne e salute”
di

| , ,
| 2021 | News
| Dicembre 2021 | 519 Visite | con Commenti disabilitati su Coalvi presenta il nuovo libro “Carne e salute”

Uno studio approfondito sul ruolo della carne in una dieta sana ed equilibrata

Tutto e il contrario di tutto. Negli ultimi anni c’è stata poca chiarezza  sul tema delicato carne e sana alimentazione e si sa che quando si tratta di sana alimentazione, nulla è più attendibile del parere del medico. Spesso, le comunicazioni delle ricerche scientifiche,  vengono però spudoratamente surclassate, da mode alimentari che in qualche modo, è il caso di dirlo, alimentano la confusione mediatica. Nello specifico,  il consumo di carne rossa,  è stato in ogni modo demonizzato e considerato la causa principale di malattie cardiovascolari e/o  di natura cancerosa, a causa proprio di una comunicazione  approssimativa e poco dettagliata, a favore di mode che vogliono un mondo del tutto più vegano, spacciando altresì lo stesso consumo di carne anche per qualcosa di poco etico e a discapito dell’ambiente. Demonizzazione che non considera l’impegno di quella fascia di allevatori, come COALVI che da sempre contrasta una produzione di massa a favore di allevamenti Green-friendly a basso impatto ambientale e a tutela soprattutto del territorio, con l’inserimento anche di sistemi innovativi e tecnologici a supporto del comparto zootecnico.

Per fare luce sulla delicata questione alimentazione e salute, proprio Coalvi, il Consorzio di Tutela della Razza bovina Piemontese, nella nuova edizione della pubblicazione Carne e salute, ha chiesto il supporto di un gruppo di medici ed esperti di salute per sciogliere i dubbi e chiarire meglio il ruolo che può avere la carne in una dieta sana ed equilibrata, con un particolare approfondimento sulle caratteristiche di quella del Fassone di Razza Piemontese che, come dimostrano i dati di analisi, si distingue per dei valori nutrizionali che la rendono – per molte ragioni – ideale per la nostra dieta. 

La pubblicazione “Carne e Salute”, propone una serie di interventi tecnici selezionati, volti a spiegare in maniera scientifica quale possa essere l’apporto nutrizionale corretto della carne bovina nella nostra quotidianità. Un alimento che – affermano evidenze archeologiche e scientifiche – è sempre stato una componente importante nella dieta dell’uomo, fin dalla preistoria, come spiega nel suo intervento il professore emerito di anatomia umana dell’Università di Torino Giacomo Giacobini. 

L’argomento, in questa nuova pubblicazione promossa da Coalvi, viene trattato da un punto di vista clinico, analizzando ad esempio come nel contesto di una dieta sana, varia ed equilibrata la carne bovina di buona qualità possa contribuire al raggiungimento del miglior equilibrio nutrizionale: a dirlo è il dottor Paolo Godina, biologo e nutrizionista specializzato in patologia clinica che firma uno degli interventi del libro. 

Sono in tutto dieci gli esperti in medicina coinvolti nella pubblicazione, ognuno chiamato ad analizzare un aspetto specifico del rapporto tra carne e salute. C’è il dottor Luca Mandia, medico specialista in Ginecologia ed Ostetricia presso l’Ospedale Sacco di Milano, che analizza le linee guida internazionali e italiane per il consumo di carne in gravidanza. C’è il dottor Massimiliano Elli, ginecologo specializzato in medicina e biologia della riproduzione, che racconta il peso che possono avere gli alimenti nella fertilità di coppia. Spazio anche al ruolo della carne in situazioni specifiche della vita, come l’età dello sviluppo, tema su cui è stata interpellata la dottoressa Mariangela Perego, specialista in pediatria, o l’attività fisica e sportiva, su cui è il dottor Roberto Sala, specialista in medicina dello sport, a dare un parere tecnico. 

Carne e Salute – Coalvi

Nel libro viene anche trattato un argomento che spesso è stato protagonista delle discussioni sul tema “carne e salute”, quello della cardiologia. Ad affrontarlo è il dottor Simone Tresoldi, specialista presso l’Ospedale San Gerardo di Monza. Se è vero che “i prodotti di origine animale non dovrebbero occupare uno spazio eccessivo nel nostro menù quotidiano a causa della quantità di colesterolo e di grassi che contengono – si legge nella pubblicazione – è importante sapere che non tutti i grassi sono uguali: alcuni di essi non solo non sono dannosi ma costituiscono elementi protettivi per diverse patologie”. Inoltre, spiega il dottor Tresoldi esiste “una sostanziale differenza tra carni di specie diversa e, per la specie bovina, ve ne sono anche di significative tra una razza e l’altra”. Analizzando nello specifico i valori, dunque, quel che viene fuori è, ad esempio, che la carne del Fassone di Razza Piemontese “si colloca in una fascia di indice aterogenico compreso tra 0,3 e 0,4 nella quale si ritrovano pesci come l’orata e la trota”. E ancora, “una situazione analoga la si incontra anche nella classifica per l’indice trombogenico, dove il Fassone, con un indice di poco inferiore a 1, fatica a competere con il pesce che si attesta tra 0,2 e 0,3, ma si distacca decisamente dalla carne del bovino di Razza Frisona che sfiora 1,8 e da quella della Razza Chianina che supera abbondantemente 1,3”. 

Non mancano i suggerimenti di consumo, che fanno da corollario a una pubblicazione in cui, sostanzialmente, gli esperti interpellati concordano sull’opportunità di orientare la scelta su una carne con basso contenuto in grasso, trovando una risposta convincente in quella di Fassone di Razza Piemontese.Scopo della pubblicazione, in definitiva, è proprio quello di porre una voce di contrasto alla demonizzazione in toto spesso operata sul tema della carne, evidenziando le differenze tra i diversi tipi di carne e promuovendo un consumo consapevole ed equilibrato di quest’alimento. Il libro è stato realizzato con il contributo della Regione Piemonte per promuovere il Fassone di Razza Piemontese, recentemente riconosciuto nel Sistema Qualità Nazionale, che raggruppa quelle produzioni che si distinguono dalle concorrenti per un qualità particolare. Il volume, che si compone di 64 pagine è stato stampato in 20.000 copie e distribuito nelle macellerie a marchio. Chiunque vorrà averne una copia, inoltre, potrà richiederla sul sito del Coalvi e la riceverà gratuitamente al solo costo delle spese di spedizione. 

Condividere questo articolo:

Commenti chiusi