Un incastro perfetto; Stories
di

| , , ,
| 2016 | In evidenza | Investo Style
| settembre 2016 | 685 Visite | con Commenti disabilitati su Un incastro perfetto; Stories

Ci sono storie che meritano di essere raccontate. Storie nate non per caso ma sotto una buona stella. Storie che arrivano da lontano e che di strada ne hanno già fatta un bel po’. È il caso di un brand di moda di ricerca che nasce in Piemonte, nel cuore delle Langhe e mette radici a Milano, laddove la moda è di casa e detta legge nel resto del mondo. Parla italiano ma riesce a farsi capire anche dall’altro capo del mondo, laddove i pezzi più pregiati delle collezioni STORIES sono già arrivate.

Sono storie che si raccontano attraverso una grafica, capaci di avere una identità propria, forte, dal sapore noir, sofisticato e a tratti melodrammatico. Bianco e nero sono i due fattori stilistici determinanti nella caratterizzazione di capi che sembrano non conoscere nessuna sfumatura.

E quando ci si chiede se ha senso ancora investire nella moda, dovremmo provare a parlare con lo stilista Stefano Giordano, un rivoluzionario che non conosce tempo, dai lineamenti retrò e un po’ stravagante come tutti gli artisti.

La genesi è dentro un’immagine fissa: la rivoluzione industriale di inizio ‘700, con i suoi ingranaggi, i cambi di stile, di cultura. E’ un cambiamento che contamina e si lascia contaminare, da quell’Art Decò che mosse i suoi primi passi a Parigi nel 1925.

Ai buyer di tutto il mondo sono state presentate le prime collezioni uomo e donna, e se volete inquadrarla come una startup della moda fate pure ma ricordate che è già salita sul palco di X Factor Italia, ha vestito gli orchestrali di Laura Pausini e Paola Cortellesi nello spettacolo, campione di ascolti,  trasmesso da Rai2 e si prepara a fare la sua comparsa in prima serata su Canale 5.

Pare sia proprio un eclettismo che contagia, quello delle collezioni firmate da Stefano Giordano, che si fa geometrico, che non rinuncia mai all’alta qualità dei materiali utilizzati e soprattutto non trascura mai un altro ambito dal quale pare non si possa più trascendere se si vuole fare moda: il design.

É semplice amore per il bello, un bello che si fa efficace, quotidiano, che cerca e trova l’incastro impeccabile e che ancora una volta porterà alto in tutto il mondo il made in Italy.

Condividere questo articolo:

Commenti chiusi