Risparmia Mutui
di


| 2016 | Investo Building | News
| giugno 2016 | 888 Visite | con Commenti disabilitati su Risparmia Mutui

Il mutuo, spesso spada di Damocle su qualunque trattativa e operazione immobiliare dei comuni mortali, non è soltanto un grattacapo da risolvere con la banca. Può diventare un (consistente) motivo di risparmio per chi, di soldi, ne sta già tirando fuori molti per prendere casa.

Merito, dicono gli esperti, della concorrenza, entrata ormai a gamba tesa anche in questo particolare settore finanziario. E per chi pensa che in fondo la differenza tra una proposta e l’altra non può che essere minima, ha di che ricredersi: il risparmio può arrivare a quasi 375 euro. Al mese: mica bruscolini.

Da Roma a Milano, da Napoli a Palermo. Quello che conta è proprio la battaglia tra banche all’ultimo rilancio, all’ultimo taglio, all’ultimo risparmio. I costi possono addirittura dimezzarsi. E i tassi, perché alla fine sono loro quelli che “pesano” possono variare dall’1,05% al 7,50%. Una variazione che è un’enormità.

C’è addirittura chi – per conto dei più pigri – si è messo a fare di calcolo prendendo in considerazione le varie offerte e stilando una graduatoria: dal peggiore al migliore (è il caso del portale Sceglibanche.it). I risultati, come accennato, possono essere sorprendenti. Ma si deve tenere conto non solo delle condizioni generali o dei tassi: importantissima è anche la durata del mutuo. Se si prende come base di partenza un mutuo di centomila euro, per acquistare un immobile che ne vale duecentomila, nell’arco di dieci anni di durata si può spaziare da una rata da 895 euro a una da 1.163 (268 euro al mese di differenza). Ma anche nell’arco più ampio di un trentennio la differenza può essere grande: da 382 euro a 703 euro.

“E’ evidente che ormai il mercato bancario si sta aprendo per davvero alla concorrenza, le offerte sono innumerevoli e spesso molto complesse, e diventa difficile per un cliente con normali conoscenze finanziarie riuscire ad orientarsi. Ma come abbiamo visto dai nostri dati saper scegliere fa davvero la differenza e permette di risparmiare centinaia di euro ogni mese – commenta l’amministratore delegato del portale, Domenico Zerella -. Sono finiti i tempi delle banche poco trasparenti. Oggi il cliente va invece informato e seguito con la dovuta attenzione, il web sta rivoluzionando anche questo settore rimettendo al centro il consumatore”.

Condividere questo articolo:

Commenti chiusi