Ginnastica in dolce attesa
di

|
| 2014 – Numero 1
| febbraio 2014 | 1547 Visite | con No Comments

Diventare genitore è un evento che influenza lo sviluppo della personalità della coppia. E’ una “crisi evolutiva” che coinvolge entrambi i genitori.

Quando nasce un bambino, nascono nuove problematiche relative all’organizzazione degli spazi fisici e dei tempi quotidiani. Sia a livello mentale che emotivo, la coppia deve predisporsi a un’ esperienza inedita e coinvolgente: prendersi cura di una nuova vita.  Si assume così per entrambi un’ ulteriore identità: quella di genitori.

Un cambiamento enorme, al quale occorre predisporsi, senza chiudersi alle novità naturali e alle conseguenze materiali (organizzazione, tempi) al fine di creare una solida base per poter vivere senza apprensioni e stress (oltre quelle che inevitabilmente ci sono) un passaggio naturale che richiede pazienza e sacrificio. Dal quale, peraltro, si hanno anche e soprattutto enormi soddisfazioni per la nuova vita che dipende da noi e alla quale dobbiamo trasmettere sempre serenità e amore.

Tuttavia, va sempre seguita l’evoluzione psico -fisica del genitore che non può “annullare” la propria individualità schiacciandola esclusivamente nel nuovo ruolo di genitore. Sarebbe pericoloso per l’equilibrio dell’adulto e dunque per lo stesso neonato. Dal punto di vista fisico, questo percorso inizia prima della nascita. Occorre prepararsi all’evento grazie a forme di lavoro che oggi permettono a una donna di arrivare al parto con maggior possibilità di benessere sia per lei che per il bimbo.

L’attività fisica è fondamentale durante tutta la gravidanza, sia per la mamma che per il bebè. Qualsiasi tipo di attività, svolta con moderazione: c’è chi preferisce la PISCINA, con corsi specifici per le future mamme, chi le attività di YOGA, oppure chi ama la GINNASTICA A CORPO LIBERO.Il movimento, se fatto in modo adeguato, migliora la circolazione del sangue, la ritenzione idrica, la respirazione e aiuta a  riattivare la mobilità intestinale in caso di stitichezza. In particolare, gli esercizi del perineo sono utili sia in previsione del parto che dopo la gravidanza.Controllo del peso, maggiore efficienza dell’apparato respiratorio trasporto d’ossigeno per il feto, meno gonfiori, benefici psicologici ed emozionali. Questi sono solo alcuni dei vantaggi che una corretta attività fisica svolta durante la gravidanza è in grado di produrre per la donna e il suo bambino.La gravidanza è una condizione fisiologica. Pensare alla futura mamma come a una donna in difficoltà fisica perenne è un errore che può avere conseguenze negative. La sedentarietà è una di queste. In realtà, anche una gravidanza patologica (per es. diabete gestazionale) può trarre beneficio dall’attività fisica svolta durante i nove mesi.Gli esercizi proposti sono piuttosto dolci, combinando strategie di rilassamento e respirazione.Esercizi di presa di coscienza corporea per migliorare la postura, sbloccare le articolazioni, tonificare e allungare la muscolatura.Esercizi mirati: mal di schiena causato da posizione scorrette che una donna gravida assume, varici, tachicardia.Esercizi di respirazione, per imparare a rilassarsi, per il benessere madre-bimbo.

Una mamma consapevole del proprio corpo e delle trasformazioni che subisce è una mamma al centro della propria esperienza di maternità. Soggetto attivo, che non “subisce” la gravidanza ma la vive come una esperienza positiva da protagonista. Una prospettiva che ha un effetto benefico evidente sul fisico e sull’umore.L’obiettivo dell’allenamento è portare la futura mamma ad avere il pieno controllo di sè. Gli esercizi saranno svolti in modo armonioso e rilassante, fin quando il corpo sarà in grado di sentirli e percepirli. Il lavoro corporeo in gravidanza rappresenta un viaggio di esplorazione.E’ l’occasione per ascoltarsi e accompagnare il cambiamento naturale fisico  che avviene nei 9 mesi.

Il corpo deve prepararsi al parto. Le donne che praticano da sempre attività sportiva con regolarità possono continuare a praticarla con moderazione e buon senso.La regola da seguire sempre è: evitare attività violente.Il mio consiglio è di eseguire una moderata attività fisica in gravidanza purchè non sia stata espressamente sconsigliata dal ginecologo.

Condividere questo articolo:

Commenti chiusi