Orecchini, che passione!
di

|
| 2013 - Numero 6
| novembre 2013 | 2170 Visite | con No Comments

Le maliarde di “Sex & The City” ce l’hanno insegnato: l’uomo va stordito, tramortito, intorpidito con gli orecchini, se possibile, di dimensioni che evochino almeno quelle di un lampadario ottocentesco.

Eh, già, perché questo accessorio, silenziosamente accantonato negli anni Novanta, è tornato prepotentemente nella moda di oggi ed è davvero raro trovare una donna che non arricchisca le sue orecchie di vivaci sbrilluccichii.

C’è stato il tempo degli impercettibili “punti luce”, minuscoli diamantini con montatura invisibile che troneggiavano ai lobi delle signore; poi, c’è stato l’avvento dell’argento e di tutte le sue più curiose declinazioni, come, ad esempio, gli orecchini gipsy con pietre dure e semipreziose, dalle fattezze tipicamente orientali; poi, last but not least, è arrivato il pizzo macramè di mille colori, con il plus della leggerezza e della morbidezza dell’intreccio.

E’ così: a noi donne, basta un paio di orecchini per cambiare totalmente il nostro stile.

Lunghi e colorati, per regalarci ancora un pizzico d’estate; piccoli e sobri, per una riunione aziendale; lunghi ed eleganti, per una cena a due.

Ogni occasione ha il suo orecchino: pendente o bottoncino, clips o torchon, sono molte le varianti da declinare ai nostri lobi.

Un modello classico, molto di moda tra le teenager così come tra le signore, è quello proposto, già da qualche anno, da Tiffany, rappresentante un delicatissimo cuore in argento lucido, con le incisioni standard del brand.

Lo stesso Tiffany, però, ha di recente arricchito la sua già meravigliosa collezione di pendenti molto particolari, come quelli disegnati dalla poliedrica Elsa Peretti, in seta intrecciata (materiale, incredibile a dirsi, resistente e durevolissimo – splendidi quelli color verde bosco, colore re del prossimo autunno/inverno), oppure quelli in oro giallo, che richiamano intrecci di rami, foglie e fiori, dalla mano delicata della stilista Paloma Picasso, o quelli pieni, luminosi e sontuosi ideati dal designer Jean Schlumberger, che ha sapientemente combinato oro giallo e diamanti, in un tripudio di ricchezza e lucentezza che abbagliano.

Opere d’arte, dunque, da portare alle orecchie, piccoli frammenti di eternità che illuminano i nostri volti.

Come non nominare, poi, gli intramontabili orecchini a bottoncino della maison Chanel, che, con l’essenzialità delle loro due “C” intrecciate, regalano sobrietà ed eleganza anche all’outfit più classico.

Anche Chanel si è rinnovata, realizzando orecchini fantasia, come, ad esempio, il piccolo ramoscello di oro bianco e diamanti che scende morbido dal lobo.

Si tratta, sì, di gioielleria di altissimo pregio, che, però, ha saputo regalare un tocco moderno ai suoi prodotti, rendendoli appetibili anche alle giovani donne in carriera.

E, per coloro che preferiscono gioielli più sbarazzini, viene in soccorso il brand Stroili, che con i suoi numerosi negozi monomarca, ha realizzato degli orecchini in splendida filigrana in argento, oro o tessuto che ricordano romanticamente i centrotavola ricamati in pizzo delle nostre nonne, regalando ai lineamenti del viso una delicatezza unica ed uno stile retrò.

Incredibile, ma vero, un paio di orecchini possono ravvivare un viso spento dopo una nottata in discoteca, regalare luminosità ad un incarnato pallido, rinfrescare un outfit troppo classico.

Ce lo insegna l’eclettica Rihanna, che, dopo il taglio della chioma asimmetrico, con rasatura laterale, ha cominciato ad esibire orecchini di maxi grandezza, di mille colori, che ben si sposano con la sua carnagione ambrata e col suo make up dai tratti decisi.

O la splendida Aishwarya Rai, attrice e modella indiana, da poco anche amorevole mamma, che non perde occasione per esaltare i suoi lineamenti orientali con raffinate acconciature e capelli sapientemente raccolti, abbinando sempre un paio di orecchini luminosissimi al suo volto da Miss Universo.

Anche l’intramontabile Jennifer Lopez, cantante, attrice e produttrice, durante i suoi spettacolari concerti, indossa sempre enormi orecchini, che fanno risaltare i suoi capelli color miele.

Vip o nip (not important person), donne famose o comuni, è davvero difficile sottrarsi a questa moda di orecchi abbellite che fanno capolino dai cappotti, che rilucono tra le sciarpe, che ciondolano sui bordi delle maglie a collo alto.

Di giorno o di sera, sul lavoro come nella vita privata, in questa stagione 2013/2014, saranno protagonisti i nostri orecchini: discreti e luminosi con la luce del sole, appariscenti e colorati al calar delle tenebre.

Tenendo sempre ben a mente l’unico imperativo della moda: l’importante è distinguersi, sempre e comunque.

Con classe, ma distinguersi.

Condividere questo articolo:

Commenti chiusi