Le start up innovative – Una risorsa per Torino
di

|
| 2013 - Numero 6
| novembre 2013 | 1633 Visite | con No Comments

2013-N06 InvestoLaw2
2013-N06_InvestoLaw2.pdf
570.8 KiB
196 Downloads

LE START UP INNOVATIVE: UNA RISORSA PER TORINO

Alla Camera di Commercio un seminario su come valorizzare l’innovazione aziendale

Il 5 novembre si è tenuto alla Camera di Commercio di Torino il seminario “Le Start Up innovative: la valorizzazione degli asset fra corporate venture capital e tutela della Proprietà Intellettuale”, organizzato dal Settore Innovazione Tecnologica della Camera ed indirizzato ad imprenditori ed investitori privati.

Al centro del pomeriggio gli strumenti giuridici e le opportunità che il nostro ordinamento offre per valorizzare l’innovazione delle Start Up. Intorno allo stesso tavolo, inaugurato dal Presidente della Camera di Commercio Alessandro Barberis, oltre alla sottoscritta gli avvocati Paolo Bianco ed Antonella Musy soci dello Studio Musy Bianco e Associati, l’avv. Alberto Camusso socio dello Studio Jacobacci ed il professore Marco Cantamessa Presidente dell’Incubatore I3p del Politecnico.

Punto di partenza del seminario le strategie per massimizzare il valore dell’innovazione nelle Start Up e rispondere all’esigenza delle imprese di valorizzazione gli assets aziendali in termini di capitale umano e di proprietà intellettuale.

Con i relatori intervenuti – ciascuno facendo leva sulle proprie competenze – sono state affrontate le politiche aziendali volte a creare valore economico dall’innovazione attraverso il corporate venture capital, inteso come acquisizioni o trasferimenti di asset tecnologici, le partnership di Ricerca & Sviluppo, la protezione della proprietà intellettuale nonché lo sfruttamento delle competenze del personale specializzato mediante sistemi di incentivi.

A far da sfondo alla discussione la disciplina sulle Start-up innovative emanata un anno fa con l’obiettivo di contribuire allo sviluppo di una nuova cultura imprenditoriale, creare un contesto maggiormente favorevole all’innovazione, promuovere maggiore mobilità sociale e politiche di networking, attrarre talenti in Italia e capitali dall’estero1. La normativa beneficia con una serie di agevolazioni le Start Up che conducono un business dal carattere innovativo per la titolarità della proprietà intellettuale o per gli investimenti in Ricerca e Sviluppo di un certo valore o per l’impiego di personale anche legato al mondo della ricerca; da qui la necessità per le Start Up elaborare strategie aziendali volte allo sviluppo ed alla gestione dell’ innovazione del proprio business dipendendo da ciò la possibilità di usufruire dei benefici della Legge. In quest’ottica le politiche aziendali diventano strategiche sia quando incentrate sul corporate venture capital (acquisizioni o trasferimenti (spin-off ) di asset tecnologici, il coinvolgimento di personale specializzato) sia quando fondate su partnership di Ricerca & Sviluppo anche con soggetti esterni alla Start Up quali possono essere gli incubatori e gli acceleratori d’impresa. È il caso dell’Incubatore del Politecnico I3p che, come ha illustrato il professor Cantamessa, garantisce un supporto altamente qualificato per lo sviluppo e la continua valorizzazione dell’innovazione aziendale delle Start up.

Il taglio del seminario è stato pratico dal momento che l’ esperienza professionale dei relatori (l’avv. Bianco nel diritto commerciale e societario, l’avv. Musy nel diritto del lavoro e l’avv. Camusso nel diritto della proprietà intellettuale) ha fornito un osservatorio privilegiato capace di individuare i rischi e le esigenze che le imprese si trovano ad affrontare nello svolgimento e nella programmazione del proprio business nella fase di start-up.

Condividere questo articolo:

Commenti chiusi