I fondi europei: istruzioni per l’uso
di

|
| 2013 - Numero 6 | In evidenza
| novembre 2013 | 1325 Visite | con No Comments

Parte da questo numero un nuovo appuntamento per i lettori di InvesTO Magazine, per conoscere i fondi europei dalla parte delle imprese e, prima ancora, delle cittadine e dei cittadini, comprendere cosa siano, cosa finanzino, perché talora scatenino notizie di scandali, di risorse non spese o spese male: paradossi in tanta ristrettezza economica.

I fondi europei provengono dalla contribuzione di tutti i cittadini dei paesi membri dell’Unione, e si distinguono, a rigore di termini, in programmi di finanziamento a gestione diretta e politica di coesione gestita dai livelli nazionale e regionale.

Per il 2014-2020 circa 960 miliardi di euro, in maggioranza destinati alla politica di coesione, per rendere l’Europa uno spazio coeso, diminuendo le diseguaglianze economiche e sociali, valorizzando le diversità culturali e linguistiche, naturalistiche e paesaggistiche.

Al centro pochi precisi obiettivi stabiliti dalla strategia Europa 2020 per la crescita intelligente, sostenibile e inclusiva: 75% tasso di occupazione dei 20-64 enni; 3% del PIL in ricerca e sviluppo; meno 20% (rispetto al 1990) emissioni di gas serra,+ 20% efficienza energetica, 20% energia da fonti rinnovabili (il cosiddetto obiettivo 20/20/20); al 10% il tasso di abbandono scolastico e al 40% quello dei laureati 30-34 anni; 20 milioni di persone in situazione o a rischio di povertà in meno. Dietro ai target, due emergenze: la disoccupazione, giovanile in primis, e la stretta creditizia che stritola le micro, piccole e medie imprese.

L’Italia deve saper cogliere e fare fruttare appieno l’opportunità che questi fondi rappresentano. E’ una fase delicata, che seguiremo nei prossimi numeri, affiancandovi il tema dell’integrazione dei programmi della gestione diretta, per favorire l’approccio transnazionale, la circolazione dei talenti e delle idee, la ricerca e l’innovazione d’avanguardia, l’integrazione e il dialogo interculturale, la formazione d’eccellenza.

A cura di Barbara Chiavarino

Obiettivo Europa s.r.l.

www.obiettivoeuropa.it

Condividere questo articolo:

Commenti chiusi